Questa è una domanda che tutte le mamme che mi contattano mi fanno, perché diciamoci la verità, è una domanda che ci poniamo soltanto in gravidanza. Eccomi qui a raccontarvi un po’ il tutto.

Partiamo da quando consiglio di prenotarlo, il periodo migliore senza dubbio è verso il 4°/5° mese, così da trovare la fotografa che fa al caso vostro (vi lascio qui l’articolo e il video YouTube dove ne parlo).

Il servizio Maternity viene realizzato tra il 7° e l’8° mese, quando la pancia è bella visibile ma non si è ancora stanche come nell’ultimo periodo.
Quando le mamme fissano con me lo shooting generalmente ci facciamo una bella chiacchierata al telefono o in studio così da capire quale tipo di servizio fa più al caso vostro, se siete curiose di conoscere il servizio Maternity in esterna e quello in studio vi lascio i due articoli dove ne parlo.

La durata generalmente è di un’ora, ma non vi preoccupate non è né troppo tempo né poco; all’inizio dovete un po’ sciogliervi e dobbiamo creare una sintonia tra noi per poter fare tutto con la maggior naturalezza possibile.

All’inizio dello shooting scegliamo insieme gli abiti da indossare tra quelli che ho presente in studio, generalmente consiglio due cambi più l’intimo. Quale intimo portare, come far vestire il compagno sono tutte informazioni che si trovano nella guida che mando (insieme alla posizione dello studio e al modulo da riempire) prima di ogni servizio.

Se l’appuntamento ad esempio è alle 9.30 io arrivo ovviamente prima, accendo delle candele, riscaldo l’ambiente e metto la musica: tutto deve aiutare la famiglia a sentirsi a proprio agio!

Sono una gran chiacchierona, questo mi aiuta a conoscere le mamme, capire cosa gli piace e cosa vorrebbero trasmettere con queste foto.

Iniziamo a scattare prima alla mamma da sola, così che il compagno si possa ambientare. Ho riscontrato in tutti i miei anni di lavoro in questo settore che ad essere i più timidi durante le sessioni maternity sono proprio loro! Successivamente introduciamo anche lui, eventuali figli e animali (se volete qui potrete trovare un articolo interessante sul perché portare il proprio amico a quattro zampe sia un’esperienza unica).

Il tempo durante queste sessioni sembra volare e in un batter d’occhio siamo già arrivati a fine sessione.
Non mancano generalmente risate, qualche lacrima di commozione e momenti intimi e di relazione con il proprio partner.

La paura più grande di ogni persona che viene in studio è dover stare in posa, che le foto risultino finte, ma potrete vedere con i vostri occhi che in realtà è tutto molto naturale perché è proprio il tipo di fotografia che realizzo io: naturale e senza tempo e con le emozioni che fanno da padrone